Sposa abbronzata: i pro e i contro


Sposa abbronzata: i pro e i contro

Meglio presentarsi all’altare con un bel colorito dorato, o senza abbronzature eccessive?

L’abbronzatura è un po’ come il nero: sta bene con tutto. In fondo, chiunque sta meglio con una tintarella: la pelle è dorata, il viso è più illuminato, e in generale ci si sente più belli. Di solito, infatti, si tende a sfoggiare la propria abbronzatura il più a lungo possibile dopo le vacanze estive.

Ma com’è meglio presentarsi all’altare: al naturale, o baciati da sole?  Innanzi tutto, è bene tenere a mente il periodo in cui ci si sposerà.

Infatti, a seconda della stagione del matrimonio, un’abbronzatura all’altare può risultare più o meno appropriata. Se ci si sposa nel periodo della bella stagione – diciamo dalla tarda primavera alla fine dell’estate – essere una sposa abbronzata risulterà senz’altro molto più naturale, rispetto ad un’abbronzatura sfoggiata durante un matrimonio in pieno inverno. Sebbene ci siano persone che adorano avere una pelle dorata tutto l’anno – grazie all’aiuto di lampade e auto abbronzanti nei mesi invernali – in questo caso bisogna veramente stare attenti a non risultare più ridicoli che affascinanti. D’altra parte, riuscite ad immaginarvi come uscirebbero le foto di nozze, con tutti gli invitati pallidi (chi più, chi meno), e la sposa o lo sposo – o peggio, entrambi! – colorati da una forte tintarella artificiale? Un tocco decisamente di poca classe! Piuttosto, se avete scelto di sposarvi d’inverno e proprio non sopportate l’idea di avere una carnagione troppo chiara, chiedete consiglio alla vostra make up artisti per trovare qualche escamotage ben studiato – e non esagerato! – per creare un look che illumini di più il vostro incarnato e che gli doni un po’ più di colore. Ricordatevi, comunque sia, che anche la carnagione chiara è affascinante: d’altronde quando ci si prende cura della propria pelle, si ha un aspetto luminoso e fresco anche senza bisogno dell’abbronzatura. Imparate ad apprezzare e a valorizzare il vostro colorito naturale, sarete delle spose splendide anche senza bisogno di tintarelle finte o trucchi esagerati!

Non bisogna dimenticarsi che la consulenza della make up artist è essenziale, nel caso in cui ci si sposi d’estate o dopo le vacanze! Infatti, l’abbronzatura può cambiare l’aspetto di una persona anche notevolmente. Quindi, se fissate la vostra prova trucco prima delle vacanze, ricordatevi assolutamente di pianificarne un’altra subito dopo, cioè al vostro rientro. In questo modo, la make up artisti riuscirà ad abbinare il fondotinta al colore attuale del vostro incarnato, per arrivare preparata ai preparativi del grande giorno. Un passo essenziale, se si vuole evitare un trucco scoordinato e a effetto ‘mascherone’! Inoltre, ricordatevi che prendere il sole secca molto la pelle. Quindi, prima di arrivare a sfoggiare la vostra bella abbronzatura da sposa, assicuratevi di prendere tutte le precauzioni necessarie durante l’esposizione al sole per avere un’abbronzatura omogenea, luminosa e ben curata: creme solari, creme idratanti e creme dopo sole sono i vostri alleati più preziosi!

Quando si è abbronzati, poi, di solito si ha bisogno di meno trucco – un bel vantaggio, considerando il caldo della bella stagione che rende il trucco pesante davvero insopportabile! Insomma, l’abbronzatura può senz’altro essere una piacevole aggiunta al proprio look da sposa, ma solo quando e se viene gestita e curata adeguatamente! In ogni caso, l’importante è sfoggiare un look curato, fresco, naturale, e che risalti la vostra bellezza innata: in questo modo, avrete la certezza di incantare i vostri ospiti….con, o senza tintarella!

 

Marta Boldi