Un lancio…alternativo


Un lancio…alternativo

In molti comuni del lago è ormai vietato lanciare il riso all’uscita degli sposi dalle Chiese: che alternative si possono trovare, quindi?

 

Il classico momento del lancio del riso è diventato un ricordo lontano per molti comuni del lago di Garda. Il motivo? La pioggia di chicchi che inonda gli sposi alla loro uscita dalla Chiesa finisce tutta per strada e risulta poi difficile da pulire. Ma non è detto che ciò significhi che il gesto tradizionale vada per forza rimosso del tutto dalla cerimonia! Ingegnandosi un po’, infatti, in molti hanno trovato diverse alternative con le quali sostituire il riso.

Un esempio? Delle piccole boccette di plastica contenenti del sapone e una mini bacchetta, con la quale gli invitati possono dilettarsi a soffiare una ventata di bolle con cui ricoprire i neo sposi! Un’immagine senz’altro romantica, vedere mille bolle di sapone volteggiare lievi, eteree, e leggiadre nell’aria.

Ma un’idea che viene anche bocciata da alcuni…come ad esempio le make up artist, che la trovano scomoda in quanto le bolle che scoppiano sul volto della sposa possono macchiarlo mettendo a rischio il trucco, oppure finiscono fra i capelli e rischiano di rovinare l’acconciatura! Senza contare che il sapone che cade in terra potrebbe far fare un bello scivolone a qualcuno! Occhio, quindi, alle bolle birichine!

Un’altra alternativa può essere quella di puntare sui petali di fiori: delicati, profumati e colorati! Approfittando della location del lago di Garda, perché non puntare ad esempio su dei boccioli di lavanda, che viene prodotta da sempre in queste zone, ed è anche profumatissima? Un’idea tutta naturale, poco impegnativa, e originale!

Divertitevi a trovare anche voi altre alternative… Più originale sarà la vostra trovata, più scenografica sarà la vostra uscita!

 

Marta Boldi